The Dark Side of the Moon compie 50 anni

Il 1 marzo 1973 uscì negli USA “The Dark Side of the Moon“, l’opera più rappresentativa dei Pink Floyd, secondo molti critici un vero capolavoro della musica rock, contaminato da parti classiche che quasi lo fanno apparire come una sinfonia.

.
Un’opera premonitrice che rappresentava il pericolo della guerra, la sottomissione al consumismo, il pericolo della pazzia, l’uomo come essere finito e sempre in balia dei poteri forti.

The Dark Side of the Moon” chiude forse il periodo più fecondo della band, che ripercorre quasi tutti gli anni ’60, in parte dei quali era evidente la presenza di Syd Barrett. Dopo il 1973 la band proseguì con altri successi, pur con problemi di convivenza tra Roger Waters e David Gilmour che portarono lentamente alla dissoluzione dei Pink Floyd.

Dopo 50 anni conservo ancora integro il vinile di questo capolavoro:

 

Condividi questo:

Lascia un commento

Your email address will not be published. La vostra email non sarà pubblicata

Nome
Email
Sito web

due × 2 =

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.