Parchi di Nervi 18 agosto 2019

Parchi di Nervi: un patrimonio alla mercè di tutti

Qualche mese fa già scrissi, in questo post, dello scempio causato dall’improvvida e sciagurata idea del sindaco (iniziale volutamente minuscola) di Genova di far tenere nei parchi storici di Nervi l’esibizione Euroflora 2018. In diverse fotografie documentai i disastri compiuti ai prati che, a distanza di diversi mesi, non erano ancora stati ripristinati.

Ora, a più di un anno e qualche mese di distanza, finalmente i prati dei tre parchi sono stati quasi completamente ripristinati nel manto verde e, correttamente, delimitati con corde e cartelli a ricordare che il regolamento vieta di calpestare le aiuole.

Purtroppo molte persone ritengono che i parchi storici siano come il londinese Hyde Park oppure come il Central Park di New York, ove gli immensi prati sono a disposizione dei visitatori.

Qui, invece, non è così, in quanto si tratta di parchi storici non di normali spazi verdi o giardini; l’importanza dei tre parchi nerviesi è data sia dalla loro felice collocazione, sia dal fatto che sono presenti specie arboree provenienti da tutto il mondo, costituendo così un vero e proprio santuario del regno vegetale.

Nelle foto che seguono si possono vedere numerose persone giacere sull’erba, altri a consumare pasti di gruppo, altri ancora a giocare al pallone, una signora pure seduta sulla sdraio portata da casa.

Ricordo che quando ero bambino ero solito a frequentare la Villetta Dinegro, altro gioiello al centro della città, e ricordo benissimo che un vigile urbano passava ripetutamente a controllare che nessuno violasse i regolamenti, ad esempio in relazione al gioco della palla o alla conduzione dei cani. Ora ai parchi di Nervi non mi è mai capitato di vedere un agente della Polizia locale o di altra forza dell’ordine. La presenza, pur saltuaria, di questi avrebbe senz’altro la funzione di deterrente al ripetersi di questi comportamenti incivili.

Da qualche anno è stata costituita una ONLUS “Amici dei parchi di Nervi” e dal loro sito è possibile conoscere le proposte, molto interessanti, fatte circa la sistemazione di alcune parti ed il loro utilizzo. Mi pare, a meno che non mi sia sfuggita, manchi qualche indicazione sul controllo durante gli orari di apertura. Credo che l’ONLUS debba insistere con il Municipio ed il Comune per destinare qualche agente della Polizia locale alla vigilanza. Solo in questo modo i parchi potranno essere preservati per il futuro.