Forse molti non lo sanno, ma Windows 10 di default ha attivato una funzione con la quale ciascun computer connesso ad Internet è parte di una rete peer to peer per il rilascio degli aggiornamenti.

In altre parole gli aggiornamenti non si ricevono più unicamente dai server centrali di Microsoft, ma, in parte, da altri computer che già li abbiano ricevuti.

La cosa di per sè potrebbe risultare interessante, in quanto potrebbe velocizzare la consegna degli aggiornamenti, ma il problema è che Microsoft ha deciso che la funzione sia attiva a meno di disabilitarla e lo ha fatto senza chiedere il permesso al proprietario del computer.

Infatti se da un lato potrebbe risultare conveniente ricevere aggiornamenti in modo veloce, dall’altro tale funzione impegnerebbe la propria banda di connessione in uscita, in quanto, appunto, nodo di una rete peer to peer. Ciò, nel caso di una connessione non veloce potrebbe essere un problema.

Nelle “Impostazioni” di Windows 10“, alla voce “Aggiornamento e Sicurezza” quindi “Windows Update” si selezionano le “Opzioni avanzate” e di seguito “Scegli come recapitare gli aggiornamenti” è possibile disattivare in toto la funzione o, nel caso si abbiano più computer in rete locale, limitarla ad essi.

opzioni update 1
opzioni update 2